Archivi tag: immagine

Live from the other side what you see(…)cause freedom ain’t free

Corpi.

stamattina mi sono immersa nell’ondata di immagini dei corpi nudi.

Stamattina ho aperto link per una sessione fotografica di ESPN che fa vedere i rappresentanti degli USA alle Olimpiadi. ESPN non si smentisce mai, quindi sono le foto nude. Il lato dello sport seguito da quasi tutti.

Ho aperto il sito, incuriosita, le sessioni fotografiche della ESPN sono ormai famose per carico di sensualità e si, sessualità.

Le dovete vedere, assolutamente. Alcune sensuali, altre innocenti,altre ancora spiritose.

Per la prima volta da tanto tempo ho guardato le foto del corpo umano affascinata dalla bellezza. Atleti nel loro habitat naturale, con le luci naturali o artificiose per far vedere

pelle

bellezza

fatica

Ogni corpo racconta una storia e queste storie sono belle. Corpi mostrati senza la voglia di sedurre raccontano tutto.  Corpi belli, nudi e naturali.

Sono stanca di guardare foto nude che devono solo eccitarmi.

Ho guardato le foto e ho letto le storie di questi atleti. Che rapporto hanno con la loro fisicità. Ottimo, direte, sono in piena forma.

Una delle atlete  ha detto di aver avuto problemi da adolescente per il suo corpo evidentemente ‘mascolino’, altra ha indicato le braccia come punto debole. Poi una ragazza senza gambe, infanzia passata in orfanotrofio.

Adesso fa parte della squadra di canottaggio alle para olimpiadi ma ammette che dopo anni ha ancora problema con mangiare. Da piccola si allenava a deviare pensieri dal cibo, perché mancava sempre.

Belli corpi nudi. Guardo i miei piedi. Larghi perché da bambina volevo sempre camminare senza scarpe. Un piede ha una cicatrice,quando ho voluto farci sopra un tatuaggio la mia miglior amica ha detto:

non farlo, a me cicatrici piacciono, alla fine nel corso della vita ognuno si becca almeno una.

Tatuaggio che ho fatto è sulla nuca ed è un’altra storia (è una storia di felicità, ve la racconto un’altra volta).

Non ho fatto altre cose al mio corpo che al tempo mi sembravano giuste ma che sarebbero violenza. Magari perché ho visto alcuni i miei cari e amici che esorcizzavano i loro corpi per…renderli più belli?  Siamo convinti che il nostro corpo ci rappresenta, parla di noi, quindi cerchiamo di modellarlo, metterci i limiti. Far capire che ne abbiamo controllo.

Ho una strana idea che con tuo corpo ci devi collaborare o niente. Il mio corpo è più furbo di me, non ci posso far niente.

Sul corpo ci penso spesso e ho raccolto vari ricordi e fatti, non hanno legame fra di loro, è una raccolta ‘sparsa’.

Alcuni di miei amici non mangiano. No, non sono adolescenti, hanno superato quarant’anni da un po’. Magari saggezza arriva con l’età. Magari non d saggezza si tratta.

Quando sono stata in Jamaica mi hanno detto che eroe dei ragazzi del posto è Michael Jackson, perché è diventato uomo bianco. Magari per quello che tanti in Jamaica cercano di sbiancarsi la pelle.

Corpo può essere un nascondiglio. Uno spera sempre che l’altro si stanca di leggere tutti i tatuaggi e si ferma prima di fare una domanda. Oppure guarda trucco e parrucco e ci giudichi senza andare oltre. Poi ci si può tornare tranquillamente a casa dicendo: il mondo è superficiale, giudicano il mio aspetto non quello che ho dentro. Perché tutti sappiamo che essere obesi o truccati anche alle 6 di mattina o farsi ennesimo intervento estetico non dice niente di noi. Sono le cose che capitano.

Altri trattano corpo come uno strumento e credono che corpo si può modellare come si vuole. La cosa curiosa: chiedi al tuo collega se abbassare l’aria condizionata ma al tuo corpo non gli chiedi come sta.

è una lotta: conoscere il proprio corpo sempre di più, stupirsi quando cambia e quando non ci ascolta, imparare di nuovo a parlarci. Voler bene al proprio corpo, non prenderlo in giro, trattarlo come lo merita, non abbandonarlo.

Ci sono dei giorni che uno si sente benissimo nel proprio corpo, altri cominciano con lo sguardo nello specchio e dubbio: ma io avrei notato se mi stessi cambiando in questa persona vecchia e stanca? Ci sono i giorni che ti dici che non è il tuo corpo, ma la verità è che è tuo e che siete in due in tutto questo.

Una delle cose più belle che ho visto in vita mia è corpo nudo.

Bodies We Want for 2012

Titolo è un pezzo di testo della canzone di Lupe Fiasco ‘Around my way’

Non avevo una foto del corpo ma questa mi è sembrata adeguata. Visto che tutti adesso leggono 50 shades of grey o altri pornazzi,qualcosa vi verrà in mente guardando questa…

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

I see genius in everybody, to perceive it in yourself is the difficulty

Ho pensato un po’ prima di toccare questo tema..

Stavo scherzando, non ci ho pensato neanche un secondo, i dubbi mi vengono adesso che scrivo.

Tutto comincia dal fatto che ultimamente 2 o 3 persone mi hanno preso in giro suggerendo di fare la modella. Incoraggiata (no, a volte non noto l’ironia delle parole) sono andata sul sito ‘Plus-size models unite’, per trovare qualche consiglio sulla futura carriera. Il primo articolo mi ha fatto dimenticare le passerelle di Milano e Tokyo e mi dato da pensare su…di me. E anche altre donne.

Articolo è intitolato ‘What do you love about yourself?’. Le donne dalle diversi parti del mondo dovevano dire: cosa mi piace di me stessa, cosa amo in me. Non è proprio facile, perchè è più facile notare le cose positive in altri che in noi stessi.

In realtà il sito ‘Plus-size models unite’  (http://plussizemodelsunite.com/) non tratta solo di modelle in taglia sopra lo zero (anche se le intervista spesso e queste ragazze, oltre ad essere straordinariamente belle, sono una grande fonte d’ispirazione per qualunque donna). è un posto per scambiare le idee, perchè tutti sappiamo che i media non trasmettono l’immagine delle persone di tutte taglie, colori e convinzioni.

Nonostante questo ci lasciamo seminare in testa l’idea che a 20 anni non devi avere rughe. ok, ci sto. Anche a 30 anni non dovresti averle. eee, sul serio, neanche una? A 40 non dovresti avere le rughe, entrare in jeans attillati, dovresti sembrare una 20enne o almeno una sorella di tuoi figli. Così ci insegnano le Calsalinghe disperate. E anche se adesso mi si attiva la funzione ‘feminist friendly’, lo dico, che me ne frega: no, per gli uomini queste regole non valgono (you didn’t see that comin’ did you?). Mentre Jack Nicholson o addiruttura Clooney possono sfoggiare capelli sbrizzolati o testa calva, le attrici devono essere disperate e belle.

In teoria non dovrei preoccuparmene perchè le uniche rughe che noto per ora sono quelle che mi sono venute per forza di ridere e finchè non mi arrivano fino alle orecchie, me le tengo.

Ma sarò così rilassata anche a 30-40 anni quando mio corpo cambierà (non parliamo di testa, di testa no)? Magari sarò più stanca e come ha detto una volta mia amica ‘il tempo necessario di ricaricarsi dopo una festa si allunga sempre di più’ ? Non mi importerà quanti anni ho oppure ogni anno mi metterà in stato di frettolosa ansia? Cosa ho fatto. Perchè non fare tutto quello che volevo. Adesso, ancora prima dell’alba.

Vorrei dire che amarsi è più difficile per le donne, ed è in parte vero. Volendo non volendo consciamente e non consciamente vogliamo essere in tutto vere e brave. Non faccio elenco dei ruoli, immagino le sapete a memoria.

Ma non credo sia il mio caso, per me a volte è difficile perchè non voglio essere brava e già so, che tutti questi ruoli non mi appartengono e poi mica sono troupe teatrale, non riuscirei e recitare tutta sta roba.

What do I love about myself?

  • difendo me stessa. Sempre. So che mie scelte non sono sempre chiare a chi mi vuole bene e mi spiace di mettere ansia a chi mi ama. Prima di tutto devo rispondere a me stessa, se quello che faccio sta bene con la mia testa. Piena di treni che partono.
  • cambio. Incredibile, non avrei mai detto ma cambio e cresco (non così come altri bambini). Voglio sembre il casco con panna montata e panino con milioni di cose e voglio di più…ma imparo che la mia energia posso incanalarla, sfruttarla in altri modi, aspettare (ma non troppo). Bevo lentamente le mie bollicine e penso come conquistare il modo (segue la risata diabolica. poi soffocamento perchè avevo vino in bocca)
  • la mia faccia. Da sempre con me, mi ci sono ormai affezionata e abituata, ma riesce sempre a sorprendermi con le sue espressioni. Il mio cuore. Non ho idea come funziona, ma è incredibile sentirlo battere.

Provate a fare una lista simile. Fa bene.

p.s. titolo come sempre è un testo della canzone. Questa volta ‘Tweak your nipple’ Faithless

Contrassegnato da tag , , , ,

parole parole parole

ci tego tanto agli immagini. Magari perchè sono MTV generation o sono semplicemente superficiale.

Ma la verità è che mi manca pazienza. In fretta passo da uno spazio all’altro, senza notare persone, forme, significati. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,