Ho visto un posto che mi piace si chiama mondo

questo posto l’ho scritto almeno 3 volte e l’ho riscritto 5, 6..

Poi l’ho cancellato quindi non conta. Questa versione è fresca fresca.

Vorrei scrivere il giorno del mio compleanno post su..di me, ma questo si capisce subito

the lights the music

ME!!!

Non trovavo ne modo ne parole che è strano visto che di solito non mi ferma niente, neanche le regole grammaticali.

Volevo raccontarvi del giorno di mio compleanno, quello del anno scorso. Qui mi sono fermata. Non è stato un bel giorno e anche se non me l’aspettavo, mi fa ancora venire brivido il ricordo di come mi sentivo.

Immobile, impotente, indifferente.

Insomma, come un milanese il primo giorno di neve (scambiate indifferente con scazzato e ci siamo).

Mica bello passare il giorno del compleanno così. Lo penso anch’io. Ma non voglio concentrarmi su come stavo, che è stato quello che mi ha bloccato mentre scrivevo questo post.

Cancellando per la terza volta la bozza ho buttato il pensiero su questa settimana, questo mese, questo minuto.

Mi sono fermata (pezzo ormai buttato) pensando: Cavolo, come sto bene.

Bene così.

Così, con futuro incerto ma che si può scrivere in mille modi.

Con due capitoli chiusi, che dovevano essere chiusi anche se faceva paura farlo. Con delle conseguenze di queste chiusure che affronto con mio approccio casinista cercando di far meno danni possibile.

Con tanti capitoli aperti e con dei casini sono venuti fuori da queste aperture. E ovviamente io in mezzo che con solito approccio casinista non cerco nemmeno di controllare tutto questo.

Con mio caratterino che col passar degli anni dovrebbe migliorare anche se non si da dove ho preso questa regola quindi

Con mia impazienza e voglia di affondare il dito in ogni torta ma in questo siamo in due, Sig. Cherubini e io, quindi mica sono scema da sola (phew)

Con la cronica mancanza di tempo e di sonno

Con te e con voi che siete così belli perchè così diversi da me ( anch’io sono bella, ma diversamente)

Quest’anno, per la prima volta per mio compleanno ho deciso di non fare un viaggio e fermarmi. Se fossi bambina chiederei mia nonna di farmi una torta. ‘Quale torta? Con panna, cioccolato?’ mi avrebbe chiesto. è un bel momento quando sai che puoi scegliere qualsiasi cosa, basta chiedere e come in una favola, lo ricevi. Non voglio una torta di pasticcieria. La voglio con le prugne o con delle mele, con pasta frolla fatta da mia nonna. Torta fatta in casa, torta il cui profumo ti fa pensare di sicurezza e leggerezza dei giorni passati in campagnia.

non posso avere torta di mia nonna, ma sono dell’idea che se voglio essere viziata niente dovrebbe fermarmi.

Questa è la torta che mi sono fatta ieri. Con uva fragola. Ho una vaga impressione che non è venuta bene. Beh , affogherò  la sconfitta in bollicine.

p.s. Titolo proviene da ‘Il mondo’ di Cesare Cremonini

Contrassegnato da tag , , , ,

4 thoughts on “Ho visto un posto che mi piace si chiama mondo

  1. Giusi scrive:

    Beh, tantissimi auguri di cuore! E mille altre torte casalinghe (questa, poi, non mi sembra venuta così male ;-))

  2. arch190 scrive:

    Lascia perdere la torta perche’ mi sa che, insomma, non so se sia la foto ma non ha un buon aspetto : P
    Poi ti faccio una al mais, che dici?
    Ma la mangi, tutta!
    Un’abbraccio fortissimo e tanti auguri!!
    Sono felice di conoscere una persona come te.

  3. RRCM scrive:

    ehi, ho scritto su google fare amore ogni giorno fa male e sono finito su questo sito!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: