it’s the end of the world…and I feel fine

Ultimamente ho scritto tanto di sincerità, paura, emozioni che and un certo punto mi sembrava di fare uno dei programmi in cui la conduttrice (non necessariamente Oprah) ti chiede continuamente:

come ti senti?

Per un attimo ho pensato che è l’effetto di diverse vitamine che prendo. Non lo dico spesso, ma è vero: ho sessant’anni e solo magnesio, potasio e  altre pillole mi tengono così bella e su di giri.

Non sono le vitamine. Il fatto è che ultimamente mia vita ha preso dei ritmi diversi, non dico più veloci, perché quelli che mi conosco sanno che non solo il mio passo è alla milanese (a proposito: vorrei chiedere scusa a qualcuno che ha cercato ultimamente passeggiare con me. Mi sono distratta e ho inserito la 4)

Ecco. La mia vita assomiglia ad un frullatore e capite mi bene: mi piacciono i frullati, amo delle emozioni, cambiamenti forti.

Solo che mio corpo sembra di non essere d’accordo. Di solito il rapporto che abbiamo è di collaborazione e comprensione. Lo nutro, lavo, lo faccio riposare. Gli voglio bene, quindi ogni tanto lo massaggio con zucchero di canna, poi metto la crema. Così la sua pelle respira meglio. Anch’io cerco di respirare profondamente, ogni tanto vado a correre per diventare una cosa sola col mio corpo, quando sentiamo lo stesso ritmo,dai capelli fino ai piedi: è il nostro cuore che batte, batte, batte.

Gli sportivi dicono che il corpo è il mezzo nel tuo percorso. Lo capisco, ma per me il corpo è il compagno di viaggio e ho faticato, litigato un po’ con me stessa per abbracciare i suoi difetti e i suoi, magari non esplorati fino in fondo, pregi.

A volte mio corpo mi vuole dire qualcosa.

Quando non riesco a dormire bene per una settimana.

Quando i miei muscoli sono tesi nonostante un’ora di stretching.

Quando ho stomaco stretto.

Quando il mio cuore batte forte, senza motivo, per poi tornate ai ritmi lenti.

Ed è il mio corpo e chiedermi: ma vogliamo smettere o no? Vorrei dirgli di non stressarsi, ma so che mi avrebbe risposto di fare la stessa cosa. Missà che siamo una squadra ed è difficile marcare. Ho capito,vedo cosa posso fare.

Quindi se qualcuno di voi mi vedrà camminare con passo da milanese e con aria di persona che non ha dormito ultimamente, mi ferma, per favore.

Accetto buoni consigli e frullati.

Contrassegnato da tag , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: